La marea di plastica

cause e conseguenze dell’aggressione ai nostri oceani e spazi d’acqua, e le azioni per affrontare il problema.

Incontro pubblico con Enzo Favoino, Alberto Cervi, Paola Del Negro

BenVengaMaggio2019

La marea di plastica – Nel contesto della storica manifestazione Benvengamaggio, organizzata dal Comune di Inveruno incentrata sul benessere della persona e dell’ambiente, FOTOINFUGA Fotoclub ha proposto un incontro pubblico con Enzo Favoino esperto internazionale e coordinatore scientifico di Zero Waste Europe per sensibilizzare l’opinione pubblica alla strategia Rifiuti Zero perché tutti noi, nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa per salvare i nostri mari, i nostri corsi d’acqua, la nostra amata terra.

La marea di plastica – Nell’ambito delle manifestazioni di “BeVengaMaggio” per il benessere della persona e dell’ambiente abbiamo organizzato e promosso una serata per conoscere, sapere e riflettere.
Il 15 Maggio 2019 siamo stati tutti impegnati contro la dispersione di plastiche nell’ambiente e contro il cambiamento climatico.

Circa 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno negli oceani del Pianeta, provocando oltre 13 miliardi di dollari l’anno di danni agli ecosistemi marini.

L’Europa è il secondo produttore di plastica al mondo, 60 milioni di tonnellate circa, dopo la Cina e riversa in mare ogni anno tra le 150 e le 500mila tonnellate di macro-plastiche e tra le 70 e 130 mila tonnellate di micro-plastiche.
Per tenere alta l’attenzione sul tema, e richiamare alle proprie responsabilità tutti, da chi deve decidere ed adottare strategie, ai singoli cittadini che devono conformare i propri comportamenti alla consapevolezza ed alla responsabilità, il Comune di Inveruno, in collaborazione con Foto in Fuga Fotoclub, organizza una serata informativa presso la sala Virga. “La marea di plastica. Cause e conseguenze dell’aggressione ai nostri oceani e spazi d’acqua, e le azioni per affrontare il problema” un appuntamento con relatore ed ospiti di rilievo: Enzo Favoino, Paola Del Negro e Alberto Cervi. Introdurrà la serata l’Assessore Dott.ssa Nicoletta Saveri  e la Presidente di Foto in Fuga Marilù Giussani.

Questo appuntamento vuole porre l’attenzione sui grandi temi dell’ecologia e dell’inquinamento del nostro pianeta, con particolare riferimento a quelli legati alla protezione dei nostri mari e spazi d’acqua.
In particolare la nostra iniziativa vuole porre l’accento:
• sull’emergenza globale dovuta alla dispersione delle plastiche nei laghi, nei mari, nei fiumi;
• sull’attenzione ai temi relativi al riscaldamento globale.

Con questo appuntamento abbiamo voluto informare la popolazione e sostenere l’impegno delle associazioni ambientaliste che organizzano l’evento, attestare il proprio amore per i diversi spazi d’acqua, sollecitare il rispetto dell’ambiente, promuovere l’adozione di stili di vita sostenibili ed attenti alla riduzione dei rifiuti, al loro riuso e riciclo, allo scopo di minimizzare gli impatti sull’ambiente.

la marea di plastica

Chi è Enzo Favoino

Enzo Favoino è il coordinatore scientifico di Zero Waste Europe e membro del Consiglio Direttivo della Zero Waste International Alliance (ZWIA). E’ spesso coinvolto dall’Unione Europea e da vari governi nazionali in qualità di esperto in attività e programmi di ricerca sulla gestione sostenibile delle risorse. Ora ha unito il suo impegno ambientale con la sua passione per il nuoto dando vita alle eco-nuotate. Enzo Favoino, ricercatore ambientale ed eco-Swimmer, opera alla Scuola Agraria del Parco di Monza. Dagli anni 90 promuove in Italia ed all’estero, sistemi e strategie di gestione di rifiuti e risorse improntati alla sostenibilità, come le pratiche di raccolta differenziata, il riciclo, il compostaggio, la riduzione ed il riuso.
Mettendo assieme la sua passione per il nuoto in acque libere, e la sua attenzione ai temi ambientali, da tempo ha messo al centro della sua azione i temi relativi alla plastica, alla sua dispersione nell’ambiente, e le strategie nazionali ed europee per affrontare il problema.

Enzo Favoino
Video – Enzo Favoino

Ospiti: Alberto Cervi e Paola Del Negro

Chi è Paola Del Negro

Paola Del Negro Direttore della Sezione di Ricerca Oceanografia dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) . Primo ricercatore presso OGS. Le attività di ricerca sono focalizzate principalmente sullo studio del funzionamento degli ecosistemi marini, con particolare attenzione a quelli costieri, di transizione e polari, con approccio interdisciplinare dedicato alla conservazione e protezione degli ecosistemi marini, all’identificazione degli effetti degli impatti antropici sulla produzione di beni e servizi, alle tecniche di recupero e restoration ambientale e all’abbattimento degli inquinamenti.

Video – Paola Del Negro

Chi è Alberto Cervi

Alberto Cervi ingegnere ambientale, fondatore del Green Economy Network, la rete nata per stimolare nuove alleanze tra le imprese che offrono prodotti, tecnologie e servizi per la sostenibilità ambientale ed energetica, per dare visibilità alle loro competenze. Far parte del Network è un modo per scambiare informazioni, conoscersi meglio, crescere insieme e, insieme, contare di più.

Video – Alberto Cervi

Perchè abbiamo promosso questo evento?

I dati delle plastiche in mare sono allarmanti. Bottiglie, buste, flaconi, cosmetici con microsfere, rifiuti di plastica di piccole e di grandi dimensioni, finiscono a mare dagli scarichi o trasportati dai fiumi – spiega Favoino – . Quello che noi vediamo a galla è una minima parte di ciò che invece si deposita sul fondo e che certamente crea problemi ambientali. Buona parte viene ingerita dai pesci e ritorna nella nostra catena alimentare»

«Evitiamo il più possibile il materiale usa e getta, come la plastica. E se questa si porta in spiaggia, o si lascia negli appositi contenitori, oppure non costa niente riportarla indietro e differenziare. Un punto di partenza? Le buste. L’Italia per fortuna è il primo paese al mondo ad averne vietato l’impiego, sostituendole con quelle biodegradabili». E, a proposito di differenziata, Favoino conclude: «La mia econuotata senza muta in acque gelide vuole sensibilizzare anche sull’utilità della differenziata. Il riciclo dei materiali è la prima arma di lotta alla produzione dei gas serra e, quindi, al surriscaldamento della terra».

“Stiamo semplicemente iniziando a mettere a posto il casino che avete combinatocit. Greta Thunberg

For privacy reasons YouTube needs your permission to be loaded. For more details, please see our Privacy e Cookie.
I Accept

Caroline Power Photographer

Caroline Power Photographer – Underwater photography taken in Roatan, Honduras and other locations around the world.

Ringraziamo Caroline per averci concesso l’utilizzo delle sue fotografie per il nostro evento.

Un grazie grandissimo ai nostri prestigiosissimi ospiti.

Paola Del NegroEnzo Favoino e Alberto Cervi hanno senz’altro fatto centro nel nostro cuore consapevole. Per il nostro ambiente, per il futuro nostro e dei nostri giovani… si comincia da subito a fare qualcosa ogni giorno-
Grazie per questa bella serata.

Cristina De Tullio