Riccardo Oldani

Ho sempre sognato di fare il guardia boschi: adoro stare all’aperto, amo stare nel bosco, respirare l’aria fredda e di rugiada, sentire il freddo sulle guance e nelle mani. Purtroppo sono finito a lavorare in ufficio ma la fotografia mi permette di vivere la poesia della natura, colleziono attimi e immagini di spazi sconfinati e al ritratto preferisco frammenti di vita randagia e selvatica.

“C’è una gioia nei boschi inesplorati, C’è un’estasi sulla spiaggia solitaria, C’è vita dove nessuno arriva vicino al mare profondo, e c’è musica nel suo boato. Io non amo l’uomo di meno, ma la Natura di più”. (George Byron)